Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una bella verità

· ​Il matrimonio all’esame della Corte Suprema statunitense ·

«Il matrimonio è e può essere solo l’unione di un uomo e una donna». In previsione di un importante pronunciamento della Corte Suprema, l’arcivescovo di Louisville, Joseph Edward Kurtz, presidente dell’episcopato statunitense è tornato a sottolineare quella che viene definita una «bellissima verità» — a beautiful truth — scritta nella natura umana. Si riferisce alla verità sul matrimonio, cioè su una «istituzione perenne», che ha contribuito a definire l’identità nazionale, nella sua cultura e nelle sue leggi. 

Dalla mattina di martedì, i giudici dell’alta corte hanno cominciato le audizioni riguardanti la costituzionalità delle leggi con cui alcuni Stati vietano i matrimoni tra persone dello stesso sesso. In pratica, essi dovranno decidere se il quattordicesimo emendamento della Costituzione — quello che protegge l’uguaglianza dei cittadini davanti alla legge — autorizzi e di fatto obblighi ogni Stato a fornire una licenza matrimoniale alle coppie omosessuali che la richiedano e di riconoscere anche questo genere di unioni contratte fuori dai loro confini.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE