Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un tempo favorevole per ritornare a Dio

· Il Pontefice incontra i suoi ex allievi riuniti a Castel Gandolfo ·

Sono ripresi questa mattina, sabato 1° settembre, alla presenza di Benedetto xvi, i lavori del tradizionale seminario estivo del Ratzinger Schülerkreis, il gruppo degli ex allievi di Joseph Ratzinger, riuniti da giovedì 30 agosto nel centro Mariapoli di Castel Gandolfo. La sessione ha avuto luogo nella Sala della Rocca del  Palazzo Apostolico della cittadina laziale.

Il tema principale di quest’anno è il rapporto tra le Chiese e l’ecumenismo. «Nell’incontro particolare di sabato mattina — spiega al nostro giornale in una pausa dei lavori il vescovo Barthélemy Adoukonou, segretario del Pontificio Consiglio della Cultura —  la discussione si è concentrata su come possiamo superare la visione illuministica a partire dalla fede e dal dialogo ecumenico». In particolare è stato rilevato come l’illuminismo abbia cercato di dare una sua interpretazione al contenuto della salvezza e della giustificazione. «L’uomo è stato redento — osserva il presule — e ciò significa per gli illuministi che è ormai libero da ogni autorità,  quindi non può più essere sottomesso a nessuna di esse, neppure a quella della Chiesa».

Noi oggi, sottolinea il vescovo, «dobbiamo certamente pentirci per ciò che ha provocato la divisione nella Chiesa, ma dobbiamo far sì che il nostro tempo sia messo a disposizione dell’assoluto di Dio, affinché esso diventi un momento favorevole per la fede»: quella fede che l’illuminismo «ha creduto di aver negato, rigettando i sacramenti e i miracoli e perfino la cristologia, e insieme con essi l’autorità, nella convinzione che nessuno può imporre niente a nessuno». Quello che è emerso dalle riflessioni, sottolinea monsignor Adoukonou, è soprattutto la necessità «di presentare all’uomo l’assoluto, di ritornare a Dio come sorgente di vita e di amore. Possiamo testimoniare oggi che con Dio tutto è possibile, perché il suo assoluto è a favore dell’uomo, in quanto Egli è tutto amore».

I lavori proseguono nel pomeriggio nel Palazzo Apostolico, sempre alla presenza del Papa, che domenica mattina celebrerà la messa con tutti i partecipanti al seminario, presenti poi anche alla preghiera mariana dell’Angelus. Lunedì mattina la conclusione dell’incontro.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE