Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un sinodo per tre

· Nelle diocesi di Lille, Arras e Cambrai ·

Merville, 16. «Una prima mondiale», ha commentato l’arcivescovo di Lille, Laurent Ulrich. Di certo è la prima volta, quantomeno in Francia, che tre diocesi si uniscono per celebrare insieme un sinodo provinciale. Protagoniste del Synode LAC saranno Lille, Arras 

e Cambrai, ovvero le tre diocesi della regione Nord-Pas-de-Calais. L’apertura e la prima assemblea si sono svolte sabato 14 e domenica 15 dicembre nella casa diocesana di Merville ma è solo l’inizio visto che la chiusura è prevista nel febbraio 2015.

Centonovanta i partecipanti all’assemblea sinodale che ha per tema «Inventiamo le parrocchie di domani». Il mondo si muove e anche la Chiesa cambia. Il numero dei preti diminuisce (in Francia i sacerdoti diocesani sono calati dai 18.528 del 2001 ai 13.822 del 2011) e sotto l’impulso del concilio Vaticano II i laici hanno assunto via via più responsabilità e il ministero dei diaconi permanenti è in pieno sviluppo (nello stesso periodo sono passati da 1.593 a 2.450). «Come immaginare il domani e come prepararlo a partire da oggi con un minimo di organizzazione? Questo cammino sinodale — si legge in un comunicato — è innanzitutto un’esperienza ecclesiale che invita a farci sorprendere costantemente dallo Spirito Santo, il risultato di una domanda, di un itinerario e di una conversione: ricordiamoci che la Chiesa è l’unica istituzione che ha duemila anni. Essa è fedele a un modello di adattamento, non a tutte le mode ma agli appelli del suo tempo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE