Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un silenzio
che è come un tuono

· ​Lettera della presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane ·

Alla vigilia della visita ai campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau durante la sua visita in Polonia, la presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane ha inviato a Papa Francesco un messaggio di cui riportiamo il testo integrale.

Carissimo Papa Jorge Mario Bergoglio,

il destino vuole che ci accomuni nei sentimenti e negli intenti una terra benedetta, la Terra di Israele. Ma il destino ha voluto che allo stesso tempo, e con immensa sofferenza, vi sia anche una terra maledetta, quella dei campi di sterminio, dove nel cuore dell’Europa, negli anni della Shoah furono sterminati milioni di innocenti.

Jan Komski, «Arrivo ad Auschwitz»

Le scrivo ora a nome degli ebrei italiani a pochi giorni dalla sua visita al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Un evento molto atteso, che porterà l’attenzione di milioni di persone su quella buia pagina di storia che è una ferita aperta nel cuore dell’Europa e che continua a interrogare le coscienze di tutti quei cittadini cui preme, dal profondo del cuore, la difesa della pace, della libertà e della democrazia.

Tengo a dire che ho molto apprezzato la sua scelta di non intervenire con un discorso formale ma di concentrare l’emozione di questa visita, così significativa, in un lungo e intenso silenzio. Una forma di preghiera che tuona e che darà eco, ne sono certa, ai gridi e al dolore dei tanti bambini, mamme, giovani, uomini che da quella terra non hanno fatto ritorno. Una sua preghiera che assieme alle tante nostre rende quella terra di sofferenza luogo di culto.

La sua visita diventa l’emblema di un percorso introspettivo di riscoperta e difesa dei valori più profondi — rispetto dell’altro e rispetto della vita — che oggi nuovi terribili nemici sembrano mettere in discussione assieme alle formidabili conquiste che l’Italia, l’Europa, il mondo intero hanno saputo conquistare dal dopoguerra in poi. Frutto di un patto tra generazioni nato proprio sulle ceneri di Auschwitz-Birkenau e degli altri luoghi di morte di quella stagione, la democrazia, l’integrazione Europea e l’esistenza di Israele, sono la prova del lungo cammino percorso per non dimenticare la drammatica lezione della Shoah e per garantire a tutti, nessuno escluso, un futuro prospero e migliore.

Mai come oggi le religioni e i loro leader sono chiamati ad essere un esempio per tutti i cittadini, a prescindere dalle singole appartenenze ideali, spirituali e culturali.

Ci attende quindi un lungo cammino di impegno e collaborazione nella consapevolezza che gli elementi che ci uniscono sono più numerosi e più significativi di quelli che ci dividono.

Solo così le terre maledette dello sterminio e dell’odio potranno assumere la santità di tutti i martiri che nel nome dell’amore e della tolleranza lì sacrificarono la propria vita.

Sia benedetto il loro ricordo.

di Noemi Di Segni

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE