Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un ragazzo
come voi

· Ai giovani bresciani il Papa parla di Montini ·

«Scoprire com’era Giovanni Battista Montini da giovane; com’era nella sua famiglia, da studente, com’era nell’oratorio, quali erano i suoi sogni». È questo il «compito a casa» affidato dal Papa ai ragzzi di Brescia ricevuti sabato mattina, 7 aprile, nell’aula Nervi.

Alle nuove generazioni della diocesi, che gli hanno presentato idee e proposte per il Sinodo dei vescovi di ottobre, Francesco ha indicato la figura del Pontefice bresciano, che — ha ricordato — «è stato un giovane, come voi, di un paese della vostra terra». Il Papa ha anche riproposto la testimonianza di Francesco d’Assisi, il quale «ha abbracciato il sogno di Gesù, si è spogliato del suo uomo vecchio, ha rinnegato il suo io egoistico e ha accolto l’io di Gesù, umile, povero, semplice, misericordioso, pieno di gioia e di ammirazione per la bellezza delle creature».

Da qui la domanda rivolta direttamente ai giovani: «Voi, siete disposti ad ascoltare Gesù e a cambiare qualcosa di voi stessi? Ognuno di voi — ha esortato — ci rifletta dentro di sé, nel proprio cuore: Sono disposto a fare miei i sogni di Gesù? Oppure ho paura che i suoi sogni possano “disturbare” i miei sogni?».

E «qual è — ha incalzato Francesco — il sogno di Gesù?». È «il regno di Dio», che «significa amore con Dio e amore tra di noi, formare una grande famiglia di fratelli e sorelle con Dio come Padre, che ama tutti i suoi figli ed è pieno di gioia quando uno si è smarrito e ritorna a casa».

In precedenza il Papa aveva ricevuto nella Sala del Concistoro l'associazione dei Preti del Prado e successivamente nella Sala Clementina i membri della Communauté de l’Emmanuel. Ai primi ha ricordato che «i poveri hanno diritto al Vangelo» e ai secondi ha rivolto L’esortazione «a essere protagonisti della “Chiesa in uscita”»

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE