Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un popolo di oltre 250 milioni

· Quasi raddoppiato nel mondo il numero dei migranti rispetto all’inizio del millennio ·

Nel mondo sono circa 258 milioni le persone che hanno lasciato i loro paesi di nascita e ora vivono in altre nazioni. Si tratta di una “popolazione” pari alla metà degli europei e il fenomeno è in crescita. Rispetto al 2000 c’è stato un aumento del 49 per cento. Sono questi i dati aggiornati contenuti nel rapporto sulle migrazioni internazionali dell’Onu, pubblicato ieri. Risulta aumentato anche il numero dei paesi ricchi interessati dal fenomeno: dal 9,6 per cento del 2000 al 14 per cento del 2017. 

Migrante cerca di salire su un’imbarcazione di soccorso (Afp)

Secondo il rapporto dell’Onu, nel 2017 i paesi più ricchi hanno ospitato il 64 per cento dei migranti, circa 165 milioni di persone. Quest’anno, inoltre, due terzi dei migranti erano distribuiti solo in 20 stati. Il paese che ne ospita di più sono gli Stati Uniti con 49,8 milioni di persone. Seguono Arabia Saudita, Germania e Russia con 12 milioni e quindi la Gran Bretagna con 9 milioni. La relazione dice anche che i migranti hanno contribuito alla crescita della popolazione in Nord America e Oceania e che senza di loro la popolazione in Europa sarebbe diminuita dal 2000 al 2015. Per quanto riguarda le migrazioni nel Mediterraneo, l’Oim ha fatto sapere che dall’inizio dell’anno 3115 rifugiati e migranti sono morti mentre tentavano di raggiungere l’Europa via mare. Da gennaio al 17 dicembre, sono arrivati via mare 168.314 migranti e rifugiati, quasi la metà dello stesso periodo dell’anno scorso. Di questi, poco più del 70 per cento in Italia (118.064), il resto in Grecia, Cipro e Spagna. In occasione della presentazione del rapporto è stato ricordato che, a settembre 2016, tutti i 193 membri delle Nazioni Unite hanno adottato la Dichiarazione di New York sui rifugiati e sui migranti in cui si afferma che «nessun paese può gestire il fenomeno delle migrazioni internazionali da solo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE