Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un Pontefice per il dialogo tra le religioni

· Il cardinale Tauran nell’anniversario della beatificazione di Giovanni Paolo II ·

«Né abdicazioni, né irenismo; ma la testimonianza reciproca per un comune progresso e per il superamento dei pregiudizi, delle intolleranze e dei malintesi». La visione di Giovanni Paolo II sul dialogo tra le religioni è stata riproposta dal cardinale Jean-Louis Tauran, durante la conferenza tenuta martedì sera, 8 maggio, nell'ambito di un’iniziativa commemorativa del primo anniversario della beatificazione di Papa Wojtyła, promossa dall'ambasciata di Polonia presso la Santa Sede.

Nel palazzo della Cancelleria, il porporato francese ha parlato dell'importanza del dialogo interreligioso nel pensiero del Pontefice polacco, sottolineando come esso debba tendere «alla purificazione e alla conversione interiore» per essere spiritualmente fruttuoso.

Dopo l'introduzione dell'ambasciatore Anna Suchocka, il cardinale presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso — che nella parte finale del pontificato di Wojtyła ha ricoperto l’incarico di segretario per i Rapporti con gli Stati (1990-2003) — ha ricordato come per Giovanni Paolo II il dialogo interreligioso fosse parte integrante della missione ad gentes della Chiesa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE