Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un mondo di profughi

· Nel 2011 il numero più alto dall'inizio del secolo ·

Guerre e rivoluzioni nel 2011 hanno spinto alla fuga dalle loro case oltre 4.300.000 persone, comprese ottocentomila costrette a cercare scampo fuori dai confini dei loro Paesi, secondo i dati del Global Trends 2011, il  rapporto annuale  dell'alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr),  diffuso in vista della Giornata mondiale del rifugiato del 21 giugno. Si tratta del numero più alto registrato in un solo anno dall'inizio di questo secolo, che pure ha già visto immani spostamenti forzati di popolazioni, soprattutto in seguito ai conflitti in Afghanistan e in Iraq e alle pluridecennali e irrisolte crisi in Sudan,  Somalia e Repubblica Democratica del Congo.

L'analisi della situazione conferma la falsità del luogo comune secondo il quale sarebbero i Paesi del nord del mondo a ricevere i flussi di profughi. Infatti, sono  i Paesi in via di sviluppo  a ospitare la maggior parte dei rifugiati. Anche il Segretario generale dell’Onu, Ban Ki moon, nel suo messaggio per la giornata sottolinea questo aspetto. «Quattro rifugiati su cinque si trovano nei Paesi in via di sviluppo», scrive Ban Ki-moon, rendendo  omaggio alla «generosità straordinaria dei Paesi di accoglienza che si trovano ad affrontare gravi privazioni», condividendo con loro le scarse risorse in acqua e in cibo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE