Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un mondo di disuguaglianze

· Oltre due miliardi di persone in condizioni di povertà ·

Oltre due miliardi e duecento milioni di persone nel mondo vivono in condizioni di povertà o rischiano di ricadervi. 

Si tratta di un numero che in futuro potrebbe aumentare a causa delle crisi finanziarie e delle sempre più frequenti catastrofi naturali. Occorrono dunque nuovi piani di assistenza e maggiori aiuti per far fronte alle emergenze ed evitare l’aumento delle disuguaglianze tra i popoli e le nazioni.

È questa la diagnosi che emerge dal rapporto 2014 del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Unpd). L’Undp stima che i poveri siano con certezza un miliardo e mezzo ripartiti in 91 Paesi; ottocento milioni di persone si trovano invece sulla soglia della povertà. Oltre due miliardi di persone vivono quindi con l’equivalente di 1,25 dollari al giorno. Il documento annovera, tra le cause della povertà e della miseria, anche l’andamento dei prezzi delle derrate alimentari e le atrocità commesse dei conflitti armati. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE