Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un modello per tutti

· Messaggi e dichiarazioni augurali in occasione del primo anniversario dell’elezione di Francesco ·

Una Chiesa povera per i poveri, protesa verso gli emarginati delle periferie del mondo: è l’auspicio, l’incoraggiamento, l’immagine stessa di Papa Francesco che più si riscontra ed emerge dagli innumerevoli messaggi e dichiarazioni diffusi in occasione del primo anniversario (domani 13 marzo) della sua elezione al soglio pontificio.

Per i vescovi statunitensi, Francesco «ha costantemente invitato i cattolici a guardare nuovamente ai valori fondamentali del Vangelo». Lo ha fatto dando l’esempio, «scegliendo la semplicità nello stile di vita personale, lavando i piedi ai detenuti, tenendo nelle sue mani e baciando» persone gravemente sofferenti. La sua costante apertura verso chi è emarginato, il rilievo dato alla misericordia e alla carità «sono serviti da ispirazione non solo ai cattolici ma anche agli altri cristiani e a tutti gli uomini di buona volontà».

Francesco come esempio e modello. Così è per il presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti, monsignor Joseph Edward Kurtz, il quale spiega che il Pontefice «fornisce l’ispirazione in tanti modi», come comunicatore e “figlio della Chiesa”, come pastore e sacerdote, come leader, come cattolico, come persona. Francesco «ha portato energia nuova ed è punto di riferimento per i sacerdoti e modello per i vescovi».

Anche la scelta di dedicare un sinodo alla famiglia mostra che «questo Papa ha una visione giusta del mondo», commenta monsignor Józef Michalik, presidente della Conferenza episcopale polacca, perché «indica una consapevolezza, la volontà di guardare dov’è l’origine del problema. Se crollano le fondamenta, crolla tutta la società. Se invece l’uomo ha un punto di riferimento stabile, riesce a resistere alle difficoltà. Scegliendo allora la famiglia — sottolinea Michalik — la Chiesa e il Papa vogliono mostrare che esiste la speranza».

Dal Portogallo il patriarca di Lisbona, Manuel José Macário do Nascimento Clemente, parla di «un bilancio estremamente positivo perché Papa Francesco ha realizzato tutte le speranze nate con la sua elezione».

Un “grazie” per questo primo anno di pontificato viene dal cardinale Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay, che in una riflessione riportata da AsiaNews ricorda come Francesco indichi l’evangelizzazione, o la missione, come la massima priorità della Chiesa.

Ad Assisi, sulla tomba del Poverello, pregheranno domani, nell’ora in cui il cardinale Bergoglio veniva eletto Papa, anche i frati del Sacro convento. Sarà una giornata speciale per tutta la Chiesa, sottolinea una nota, osservando come il Pontefice stia «incarnando il carisma di Francesco attraverso temi fondamentali come la pace, il creato, la povertà». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE