Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Contro un’interpretazione
sbagliata dell’islam

· Documento della Grande moschea di Parigi firmato dal rettore Boubakeur ·

Preoccupazione per la crescita, in seno a tutta la società francese, di «una estrema demonizzazione della minoranza musulmana», ma anche grande inquietudine per il diffondersi, nella comunità musulmana, di «un’interpretazione sbagliata dell’islam, basata su una lettura del testo selettiva, parziale, che porta all’oscurantismo, alla pedanteria ignorante, alla misoginia, al settarismo e al rifiuto dei valori repubblicani». È quanto si legge in Proclamation de l’islam en France, documento elaborato dall’Istituto musulmano della Grande moschea di Parigi e firmato il 28 marzo dal rettore, Dalil Boubakeur. Venticinque punti per chiarire, innanzitutto, che «l’islam in Francia non è un nuovo islam né un’innovazione» ma «semplicemente la chiarificazione del dogma in rapporto alle realtà di oggi. L’islam in Francia è il risultato della reinterpretazione del testo nel contesto, vale a dire l’ijtihad».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE