Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un gesto coraggioso

· ​All’Angelus dedicato al viaggio in Messico il Papa chiede ai governanti di sospendere le esecuzioni capitali durante il giubileo ·

Un «appello alla coscienza dei governanti per l’abolizione della pena di morte» e la proposta «di compiere un gesto coraggioso ed esemplare: che nessuna condanna venga eseguita in questo Anno Santo della Misericordia»: li ha lanciati Papa Francesco all’Angelus del 21 febbraio, durante il quale ha anche ricordato il recente viaggio in Messico.

Commentando con i numerosi fedeli presenti in piazza San Pietro il Vangelo della domenica, il Pontefice ne ha collegato i contenuti con le giornate trascorse in terra messicana, definendole «un’esperienza di trasfigurazione»: perché — ha spiegato — «il Signore ci ha mostrato la luce della sua gloria attraverso il corpo della sua Chiesa, del suo popolo santo che vive in quella terra. Un corpo tante volte ferito, un popolo tante volte oppresso, disprezzato, violato nella sua dignità». Quindi ha ribadito che «il “baricentro” spirituale del pellegrinaggio è stato il santuario della Madonna di Guadalupe», dove ha pregato «colei che raccoglie i dolori per le violenze, i rapimenti, le uccisioni, i soprusi a danno di tanta povera gente, di tante donne». Infine ha anche accennato allo storico incontro all’Avana con il Patriarca Cirillo.

Dopo la recita della preghiera mariana, Francesco ha preso spunto dal convegno internazionale promosso a Roma dalla comunità di Sant’Egidio per lanciare il suo appello contro la pena di morte. Auspicando un «rinnovato impulso all’impegno per l’abolizione», il Papa ha rilevato «un segno di speranza» nello «sviluppo, nell’opinione pubblica, di una sempre più diffusa contrarietà alla pena di morte». Anche perché, ha commentato, è possibile «reprimere efficacemente il crimine senza togliere definitivamente a colui che l’ha commesso la possibilità di redimersi». Da qui la richiesta di «una giustizia penale aperta alla speranza del reinserimento», in quanto «il comandamento “non uccidere” ha valore assoluto e riguarda sia l’innocente che il colpevole». E in tale contesto, ha concluso, l’anno santo della misericordia «è un’occasione propizia per promuovere nel mondo forme sempre più mature di rispetto della vita e della dignità di ogni persona», visto che «anche il criminale mantiene l’inviolabile diritto alla vita».

L’Angelus del Papa  

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE