Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per un futuro di pace
in Terra Santa

· Messaggio del patriarca di Gerusalemme dei Latini ·

Gerusalemme, 19. «Il nostro cuore non può dimenticare gli abitanti della Siria e, tra di loro, i rifugiati nei Paesi vicini»: si apre con una sottolineatura della drammatica questione siriana il messaggio natalizio del patriarca di Gerusalemme dei Latini, Fouad Twal. Un messaggio, presentato alla stampa nel pomeriggio di ieri, mercoledì 18, che passa in rassegna le principali emergenze della regione, la vita della Chiesa, i progressi del cammino ecumenico e del dialogo tra le religioni, rinnovando anche l’attesa e la speranza di un prossimo viaggio in Terra Santa di Papa Francesco. E ribadendo che «il conflitto israelo-palestinese rimane decisivo nella regione, costituendo un grave ostacolo alla stabilità del Medio Oriente».

Il messaggio natalizio si presenta, insomma, come un bilancio di fine anno, che richiamando i principali recenti avvenimenti che hanno interessato la regione, intende anche gettare le basi per affrontare i prossimi mesi. Così, il patriarca ricorda in particolare la conclusione dell’Anno della fede, che lo scorso 17 novembre ha richiamato a Nazareth la presenza di circa settemila fedeli.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE