Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Un francobollo
per madre Cabrini

· ​Nel settantesimo anniversario della canonizzazione ·

Il 7 luglio di settant’anni fa Pio xii proclamava santa Francesca Saverio Cabrini, poi conosciuta (dal 17 settembre 1950) come la «patrona degli emigranti». Per celebrare l’anniversario di quell’avvenimento, il ministero dello Sviluppo economico ha emesso, giovedì 7 luglio, un francobollo commemorativo, del valore di 0.95 euro. 

Il francobollo commemorativo

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato in rotocalcografia, su carta bianca e autoadesiva: vi è raffigurato un ritratto della santa con, sullo sfondo, il chiostro della prima sede dell’Istituto del Sacro Cuore di Gesù a Codogno, presso Lodi. Il francobollo — prodotto in seicentomila esemplari — e i prodotti filatelici correlati possono essere acquistati presso gli uffici postali abilitati, gli “Spazio Filatelia” di Roma, Milano, Venezia, Napoli, Trieste, Torino, Genova e sul sito poste.it. Come ricorda, nel bollettino illustrativo, suor Barbara Staley, superiora generale delle Missionarie del Sacro Cuore, l’opera di evangelizzazione realizzata da santa Francesca Cabrini fu soprattutto «un’opera di educazione del cuore che per mezzo della persuasione potesse formare buoni cristiani e buoni cittadini». Madre Cabrini non si preoccupò solo dell’educazione nelle sue scuole, educandati, orfanotrofi e negli ospedali. Cercò anche — evidenzia suor Staley — di raggiungere le strutture di potere e le istituzioni, «cosciente di dover lottare evangelicamente per liberare dai pregiudizi e dall’emarginazione gli italiani e soprattutto i poveri emigranti spesso respinti e disprezzati dalle società di accoglienza». Lottò da sola e senza appoggi, guidata dall’amore del cuore di Gesù, alla luce di uno stile missionario diretto a «curare» le tante situazioni di ingiustizia, di corruzione, di offesa alla dignità dei poveri e degli indifesi, fondando — ricorda suor Staley — opere sociali dove «la pratica del bene potesse sanare le ferite prodotte dal male». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE