Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un esempio di dedizione e impegno

· Messaggio del Papa per i sessant’anni di regno di Elisabetta II ·

Benedetto XVI ha inviato alla regina Elisabetta II un messaggio augurale in occasione delle celebrazioni giubilari per i sessant’anni di regno. Ieri, martedì 5, la sovrana ha rivolto un messaggio alla Nazione, mentre in mattinata aveva partecipato, nella cattedrale di St. Paul, alla celebrazione di ringraziamento presieduta dal primate anglicano Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury. Pubblichiamo il messaggio in inglese e in una nostra traduzione italiana.

A Sua Maestà la Regina Elisabetta II

Scrivo per formularle, Maestà, le mie più cordiali congratulazioni nella lieta occasione del giubileo di diamante del suo regno. Negli ultimi sessant’anni lei ha offerto ai suoi sudditi e al mondo intero un esempio ispirante di dedizione al dovere e d’impegno a sostenere i principi di libertà, giustizia e democrazia, conformemente a una nobile visione del ruolo di un monarca cristiano.

Conservo cordiali ricordi della cortese accoglienza che lei, Maestà, mi ha riservato a Holyroodhouse a Edimburgo, all’inizio della mia visita Apostolica nel Regno Unito nel settembre 2010, e rinnovo i miei ringraziamenti per l’ospitalità che ho ricevuto in tutti e quattro quei giorni. Il suo impegno personale a favore della cooperazione e del mutuo rispetto tra i seguaci delle diverse tradizioni religiose ha contribuito in non poca misura a migliorare le relazioni ecumeniche e interreligiose nei suoi regni.

Affidando Sua Maestà e l’intera Famiglia Reale alla protezione di Dio Onnipotente, rinnovo i miei cordiali buoni auspici in questa gioiosa occasione e l’assicuro delle mie preghiere per la sua buona salute e prosperità.

Dal Vaticano, 23 maggio 2012

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE