Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un dormitorio
per i senzatetto di Roma

· Realizzato dall’Elemosineria apostolica in via dei Penitenzieri ·

Da quasi una settimana in via dei Penitenzieri, nelle vicinanze dell’ospedale romano Santo Spirito, è stato aperto un nuovo dormitorio per le persone senzatetto. Giovedì 7 ottobre, nella memoria liturgica della beata Maria Vergine del Rosa-rio, è stato inaugurato ufficialmente con la benedizione dei locali e con la messa celebrata dall’elemosiniere pontificio, arcivescovo Konrad Krajewski, alla quale hanno partecipato i primi ospiti e i volontari della struttura. L’ampio locale, che si trova in zona extraterritoriale e che fino a pochi mesi fa era utilizzato da un’agenzia di viaggi, è stato offerto a Papa Francesco dalla casa generalizia della Compagnia di Gesù. In questo modo la comunità dei gesuiti ha voluto rispondere prontamente all’appello del Pontefice di destinare dei propri fabbricati alle persone bisognose e in difficoltà.

Il dormitorio porta il nome di Dono di misericordia. “Dono”, perché è un vero dono della comunità religiosa; “di misericordia”, perché misericordia è il secondo nome dell’amore, che si esprime attraverso gesti concreti e generosi verso il prossimo.

Può accogliere per la notte fino a 34 uomini e come quelle già esistenti a via Rattazzi, presso la stazione Termini, e a San Gregorio al Celio, la struttura viene gestita dalle missionarie della carità fondate da madre Teresa di Calcutta.

Un apposito regolamento aiuta la buona gestione dell’accoglienza: un previo colloquio con le religiose per l’accettazione e la registrazione dei richiedenti (presso la casa Dono di Maria in Vaticano); un pernottamento della durata massima di trenta giorni; un orario preciso che regola i tempi dell’ingresso in dormitorio (dalle 18 alle 19), dello spegnimento delle luci e del riposo, della sveglia (alle 6.15), della pulizia personale, della sistemazione del letto e dell’armadietto, e della chiusura della casa (ore 8) per il riordino e la pulizia generale.

Le persone ospitate per la notte potranno pure usufruire della cena offerta alla mensa del Dono di Maria (per poi raggiungere il dormitorio), della colazione preparata nello stesso locale del dormitorio (prima di lasciarlo per la giornata) e del servizio docce sotto il colonnato di piazza San Pietro.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE