Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un congresso per il dialogo siriano

· La proposta formulata nel vertice a Sochi tra i presidenti di Russia, Turchia e Iran ·

Un congresso per il dialogo nazionale vedrà riuniti il regime e i rappresentanti dell’opposizione siriana. È quanto emerso dal vertice di Sochi al quale hanno preso parte il presidente iraniano, Hassan Rohani, il capo di stato russo Vladimir Putin e il leader turco Recep Tayyip Erdoğan.

L’iniziativa è stata promossa dal Cremlino per discutere i nuovi parametri statali e una nuova costituzione come base per le elezioni, ha detto Putin. «Intendiamo riunire al tavolo dei negoziati i delegati di vari partiti politici, i rappresentanti dell’opposizione interna ed esterna, diversi gruppi etnici e confessionali», ha aggiunto sottolineando al tempo stesso che Russia, Turchia e Iran sono pronti ad «aumentare la loro cooperazione per la completa eliminazione dell’Is, di Al Nusra e di altri gruppi estremisti». I presidenti hanno discusso anche di un’eventuale partecipazione dei curdi al congresso, ha dichiarato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, sottolineando che l’incontro dovrà essere quanto il più «inclusivo» possibile. Erdoğan ha però chiuso la porta a questa possibilità dichiarando che «l’esclusione degli elementi terroristici che minacciano l’unità politica e l’integrità territoriale della Siria nonché la nostra sicurezza nazionale continuerà a far parte delle priorità della Turchia». «Sono contento che tre nazioni, ribadendo il rispetto dell’integrità territoriale, dell’indipendenza e dell’unità della Siria, abbiano assunto l’impegno di collaborare strettamente per la pace e la stabilità nel paese», ha dal canto suo commentato il presidente iraniano. Assieme a Putin ed Erdoğan, Rohani ha avviato circa un anno fa il processo di Astana per il cessate in fuoco in Siria e per avviare una mediazione tra Bashar Al Assad e i gruppi che controllano zone del paese. I tre hanno discusso tra le altre cose dei progressi compiuti con l’istituzione delle aree di sicurezza e della lotta ai gruppi terroristici.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE