Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un arresto per la bomba a Londra

· ​L’attentato alla metropolitana rivendicato dall’Is ·

La polizia del Kent, contea dell’Inghilterra a sud-est della capitale britannica, ha arrestato un diciottenne nella zona portuale di Dover nell’ambito dell’inchiesta sull’attentato di ieri nella stazione della metropolitana di Parsons Green a Londra. Secondo le forze dell’ordine si tratterebbe di un «arresto significativo». Scotland Yard non ha precisato su quante persone si stiano concentrando le indagini. La rivendicazione del sedicente stato islamico (Is), arrivata nella serata di ieri, fa riferimento alla presunta azione di «un distaccamento», e lascia immaginare una rete di complici dietro l’attacco. L’allerta rimane molto alta e sono centinaia i militari dispiegati in queste ore a protezione di obiettivi sensibili nell’ambito dell’operazione Tempora, annunciata dal premier Theresa May dopo l’attacco. L’allerta nazionale è salita al livello definito “critico”, che presuppone minacce di altri attentati. È stata chiarita la dinamica dell’attentato. L’ordigno era nascosto in un secchio per la spazzatura all’interno di una busta per surgelati con tipiche luci da festa collegate a una batteria nella parte superiore. La bomba è esplosa solo parzialmente, provocando una fiammata e seminando il panico tra i passeggeri. Ora gli investigatori sono alla ricerca degli esecutori dell’attentato. Centinaia di poliziotti sono stati destinati a setacciare fotogramma per fotogramma le immagini delle telecamere a circuito chiuso disseminate nelle stazioni della metropolitana londinese, per tracciare i movimenti sospetti.

Per oggi è stata convocata una nuova riunione del comitato di emergenza Cobra. A differenza di ieri non sarà presieduta dal premier May, ma dal ministro dell’interno, Amber Rudd. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE