Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un altro passo
verso il salvataggio greco

· Il Fondo salva-Stati Ue approva l’estensione degli aiuti ·

Passi in avanti nella realizzazione degli accordi europei per salvare la Grecia. Il Fondo salva-Stati Ue (Efsf) ha esteso ieri la disponibilità dei fondi per Atene fino al 30 giugno, così come prevede l’accordo raggiunto all’Eurogruppo. 

Volantini nel Parlamento tedesco, ieri, durante il voto sulla Grecia (Reuters)

L’Efsf ha emendato il Master Financial Assistance Facility Agreement, nome tecnico per indicare il programma di aiuti alla Grecia, che quindi non scade più oggi ma il 30 giugno. Il Fondo fa sapere che ci sono ancora 1,8 miliardi disponibili, ma l’esborso di questa tranche è condizionato alla conclusione della valutazione del piano di riforme, atteso entro fine aprile. Intanto ieri è intervenuto il premier ellenico Alexis Tsipras, sottolineando che, dopo i colloqui sulle misure per rafforzare l’economia, ora è il momento che «inizino colloqui anche per affrontare il nodo del debito greco». Da settimane circolano indiscrezioni circa un nuovo piano di ristrutturazione del debito, attualmente al 175 per cento del pil (prodotto interno lordo). La Grecia «è uscita rafforzata dai colloqui con i partner europei» ha detto Tsipras nel corso di un’intervista ripresa dall’agenzia Bloomenberg.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE