Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Un affare di famiglia

· Giovanni XXIII e gli ebrei ·

Angelo Roncalli delegato apostolico in Turchia e in Grecia

Alexandre Adler, scrittore, giornalista e specialista di relazioni internazionali, nella sua ultima fatica letteraria Une affaire de famille. Jean XXIII, les juifs et les chrétiens (Parigi, Cerf, 2014, 136 pagine, euro 15) presenta la cronaca della sua famiglia che si sviluppa nell’arco di molti anni. Ed è una cronaca dal ritmo incalzante, in cui si intrecciano le vicende del nunzio Angelo Roncalli e quelle delle famiglie Bauer, Adler e di tutti gli ebrei che vivevano in terre turche. Lo scrive Cristiana Dobner aggiungendo che la protagonista, Marie, nonna dell’autore, è un’ebrea russa che nel corso della sua vita ebbe modo di conoscere molti Paesi: nata a Perm, vissuta in Germania e, infine, sposata all’ingegnere David Bauer — che si deve occupare della linea ferroviaria destinata a collegare Berlino a Baghdad — si ritrova a Istanbul, in Turchia. Durante la seconda guerra mondiale, la giovane vedova si assume l’onere della direzione della sezione turca della Women’s International Zionist Organisation (Wizo) in frangenti dolorosi e pericolosi. La priorità consiste nel salvare gli ebrei in uno Stato, come la Turchia, intransigente verso le minoranze.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE