Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Fare soldi sui migranti

· Il traffico di esseri umani frutta alle organizzazioni dai tre ai sei miliardi di dollari ·

Migranti in fila per ricevere cibo  in un campo in Serbia (Reuters)

«Abbiamo stimato che nel 2015 le organizzazioni attive nel traffico di migranti hanno fatturato tra i 3 e i 6 miliardi di dollari: si tratta senza dubbio del settore criminale in maggiore crescita in Europa». L’impressionante stima è stata divulgata questa mattina dal vicedirettore di Europol, Wil Van Gemert, in un’audizione davanti al Comitato Schengen. «Ci sono gruppi specializzati — ha spiegato Van Gemert — nel fornire servizi (mezzi di trasporto, passaporti, trasferimenti di denaro) di cui beneficia mediamente il novanta per cento dei migranti, di regola reclutati attraverso i social media ed esposti al rischio di sfruttamento come manodopera illegale o nei circuiti della prostituzione o dello spaccio di droga». Abbiamo individuato «250 località chiave per il traffico di migranti, 170 in Unione europea e 80 fuori» ha spiegato Van Gemert.

Ieri intanto, la giustizia italiana ha disposto la custodia cautelare in carcere per Osman Matammud, ventiduenne somalo, gestore in Libia di un centro che organizzava traversate verso l’Europa. Il ragazzo — fermato nel settembre scorso dalla polizia a Milano — è stato accusato di quattro omicidi, violenze sessuali su decine di donne e sequestro di persona a scopo di estorsione di centinaia di persone. «Un sadico» lo hanno definito gli inquirenti. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE