Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Umiltà e rispetto

· Appello delle Chiese cristiane ·

Giovedì 1 settembre i cristiani di tutte le Chiese presenti in Europa si uniranno idealmente in una preghiera per il creato che ha l’ambizione di diventare anche un vero e proprio movimento per spingere all’azione i rispettivi Governi. Perché il tempo è scaduto e lo stato di salute del pianeta terra è fortemente compromesso. Occorre agire subito e farlo con coerenza. È quanto dunque invitano a fare il Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee), la Conferenza delle Chiese europee (Kek) e la Rete cristiana europea per l’ambiente (Ecen) in una dichiarazione comune dal titolo: «Tempo per la Creazione — Preghiamo insieme per apprezzare e avere cura del dono della creazione». Il testo è firmato da padre Heikki Huttunen, segretario generale della Kek, da monsignor Duarte da Cunha, segretario generale del Ccee e dal reverendo Peter Pavlovic, segretario dell’Ecen.

La Giornata per la custodia del creato, quest’anno, cade in un momento particolare per l’Italia tragicamente colpita la scorsa settimana da un terremoto che ha seminato morte e distruzione. «Sono tragedie — ha dichiarato al Sir monsignor Duarte da Cunha — che rivelano tutta la fragilità del creato ed evidenziano la responsabilità umana di fronte a ciò che le è stato donato. È questa consapevolezza — ha aggiunto il presule, che insieme ai leader delle Chiese cristiane in Europa ha diffuso la dichiarazione comune — che ci porta a chiedere politiche ed azioni etiche che siano in rispetto della natura. Perché l’uomo non è padrone della natura, ma un suo servo ed un suo amministratore. C’è sempre nella natura qualcosa di misterioso, ma quello che spetta all’uomo è il rispetto».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 giugno 2019

NOTIZIE CORRELATE