Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ucraina
senza pace

· Falliti i colloqui per la tregua nell’est ·

L’est ucraino non conosce pace. È infatti fallita ieri la nuova tornata di colloqui prevista a Minsk per un cessate il fuoco nelle regioni orientali e separatiste, mentre i civili continuano a morire e le due opposte fazioni continuano ad addossarsi la responsabilità delle violenze. 

Giovedì, il segretario di Stato americano, John Kerry, volerà a Kiev per colloqui sulla crisi. Incontrerà il presidente, Petro Poroshenko, il premier, Arseniy Yatsenyuk, e il ministro degli Esteri, Pavlo Klimkin. Il capo della diplomazia statunitense era già atteso in Europa per partecipare il 6 e 7 febbraio alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera.

Il capo della delegazione filorussa, Denis Pushilin, ha accusato Kiev di essersi rifiutata di trattare. L’incontro di Minsk doveva vedere intorno allo stesso tavolo rappresentati ucraini, russi e dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, oltre a quelli delle due autoproclamate repubbliche ribelli di Donetsk e Lugansk. Francia e Polonia hanno intanto chiesto un immediato cessate il fuoco, rivolgendo un nuovo appello a Mosca, affinché smetta di sostenere «in ogni forma» i separatisti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE