Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ucciso l’attentatore
di Strasburgo

· ​Dopo una sparatoria con la polizia nel quartiere di Neudorf ·

L’Is rivendica la strage al mercatino di Natale

Chérif Chekatt, l’autore dell’attentato a Strasburgo, è stato ucciso ieri dalle forze speciali francesi nel quartiere di Neudorf, a poche centinaia di metri dal luogo in cui era stato visto per l’ultima volta. L’uomo stava camminando per strada quando è stato avvicinato dai poliziotti, avvertiti da una donna che lo aveva riconosciuto, e ha reagito immediatamente sparando. Gli agenti hanno risposto al fuoco e la fuga del ventinovenne, radicalizzatosi in carcere, è finita.

Il foro di un proiettile sul luogo dell’azione della polizia a Neudorf (Afp)

Secondo le testimonianze degli agenti, lo scambio di colpi fra Chekatt e la polizia è durato pochi secondi. «Lui si è voltato, ha affrontato gli agenti e ha sparato, loro hanno immediatamente risposto» riferisce un agente alla France Presse. «Grazie a tutti i servizi mobilitati, poliziotti, gendarmi e militari: il nostro impegno contro il terrorismo è totale» ha dichiarato il presidente francese, Emmanuel Macron. Poco dopo la diffusione della notizia della morte dell’attentatore, Amaq, l’agenzia di stampa del sedicente stato islamico (Is), ha rivendicato l’attentato al mercatino di Natale a Strasburgo, sostenendo che Chekatt era «un soldato» dell’Is che «ha portato avanti l’operazione per vendicare i civili uccisi dalla coalizione internazionale».

La caccia al killer — autore dell’attacco che ha fatto tre morti e tredici feriti, cinque dei quali gravi — è durata 48 ore. Ieri pomeriggio la polizia aveva effettuato un’operazione a Neudorf, senza risultati. Gran parte dell’area era stata isolata per più di un’ora, ma il blitz si è concluso senza nessun fermo. In giornata era stato invece fermato un quinto uomo che gli inquirenti ritengono fosse vicino a Chekatt, un suo amico: 39 anni, avrebbe ospitato l’attentatore a casa sua, a Lingolsheim, a sud-ovest di Strasburgo, la notte prima dell’attentato. Intanto, Strasburgo cerca di tornare alla normalità. Ieri sera la città ha reso omaggio nella cattedrale alle vittime dell’attentato.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE