Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Uccisi tre guerriglieri delle Farc

· Nel dipartimento di Bolívar ·

Tre guerriglieri delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc) sono morti oggi in uno scontro a fuoco con militari nel dipartimento di Bolívar, nel nord del paese. La dinamica dei fatti è ancora poco chiara: bisogna capire se si è trattato di un errore — erano in corso nella stessa area operazioni contro l’Esercito di liberazione nazionale (Eln, l’altro gruppo ribelle colombiano) — o di un’aperta violazione del cessate il fuoco bilaterale previsto dall’accordo di pace. Stando a fonti militari, lo scontro è avvenuto a Mina Golfo, piccola località rurale del comune di Santa Rosa. Un gruppo di soldati avrebbe ricevuto informazioni sulla presenza di guerriglieri. Le fonti precisano che molto probabilmente i soldati pensavano che i guerriglieri fossero membri dell’Eln, organizzazione con la quale non è in vigore nessun cessate il fuoco ufficiale. Solo in un secondo momento i militari avrebbero capito che avevano di fronte uomini delle Farc. Tuttavia, riportano altre fonti, anche se si fosse trattato di membri delle Farc, questi ultimi si sarebbero trovati, al momento dello scontro, a circa 68 chilometri di distanza dalla “zona di concentrazione” stabilita negli accordi di pace — un’area dove i gruppi di guerriglieri dovrebbero concentrare uomini e mezzi. Non è chiara la motivazione della loro presenza in quella zona. Il capo negoziatore delle Farc, Iván Márquez, ha confermato questa versione dei fatti, sottolineando però che i guerriglieri uccisi si stavano recando nella “zona di concentrazione”. Il capo negoziatore del governo colombiano, Humberto De la Calle, ha dichiarato che si è trattato di un incidente e che non si può parlare di violazione del cessate il fuoco. Tuttavia — ha aggiunto — l’episodio deve far capire quanto sia necessario portare avanti e rafforzare il processo di pace. Solo pochi giorni fa Bogotá e le Farc hanno firmato un nuovo accordo di pace all’Avana, dopo la bocciatura del primo accordo nel referendum del 2 ottobre scorso.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 giugno 2018

NOTIZIE CORRELATE