Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tutto su Teresa

· ​Il "Dizionario" della monaca carmelitana nella versione italiana ·

Donna inquieta e vagabonda, disobbediente e contumace, così Teresa di Gesù venne definita dal nunzio papale Filippo Sega. La stessa donna che fu proclamata Dottore della Chiesa da Paolo VI il 27 settembre 1970.

Pieter Paul Rubens «Santa Teresa d’Avila» (xvii secolo)

Tomás Álvarez — carmelitano scalzo e il più illustre specialista di Teresa di Gesù e del siglo de oro in cui visse la monaca — durante la preparazione al v centenario della sua nascita curò con un gruppo di studiosi l’edizione spagnola del Dizionario a lei dedicato.
Ora ne viene presentata la traduzione italiana: Dizionario di S. Teresa (Roma, Edizioni OCD, 2016, pagine 679, euro 20) che consta di cinquanta articoli dottrinali e cinquanta unità dottrinali teologiche. Le diverse voci infatti vogliono cogliere la complessa ed articolata vita della carmelitana, le cui opere passarono al vaglio dell’Inquisizione.
Vengono individuati cinquanta temi liturgici e sessanta temi di spiritualità. Nella dottrina teresiana i simboli sono geniali, da un punto di vista letterario, ma anche da quello biblico e spirituale. Questa la ragione per studiarli accuratamente.
Lo scavo proposto dalle diverse voci mette in luce i diversi momenti della vita spirituale della carmelitana, il suo itinerario giovanile, la sua fame di buoni libri, e l’impulso dello Spirito a donare a tutti quanto aveva appreso sulla via dell’orazione.
La sua dottrina, in cui risplende l’umanità di Cristo, si viene esplicitando nella lettura a diversi livelli: ogni voce potrà chiarire un singolo interrogativo e una tematica potrà essere sviluppata e indagata sotto diverse angolature.
La vita di fraternità, di totale condivisione, di amiche in Cristo e per Cristo, dove tutto era comune per la gloria di Dio e a sostegno della Chiesa, è stata una grande novità al suo tempo ma regge ancora al giorno d’oggi restando il codice di vita fontale per ogni comunità teresiana.
Progettare dei monasteri piccoli e poveri, che vivessero in povertà assoluta senza contare su delle rendite, in quel tempo richiedeva un’audacia notevole e un impegno tenace.
Pari a quelli messi in atto per la promozione della donna che ha voluto svincolata dagli schemi di una esclusiva preghiera vocale e che ha introdotto e guidato invece alla comunione amorosa con il Signore.
Il progetto editoriale vuole facilitare l’accostamento alla persona e all’esperienza di Teresa, senza perdere quel rigore teologico che sospinge a una vita teologale, a un esperire personale dell’azione di Dio nel cuore della persona.

di Cristiana Dobner

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE