Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Tutto cominciò con Papa Montini

Saranno ordinati sacerdoti sabato 11 giugno i ventisei diaconi di Milano che hanno incontrato il Papa all’udienza generale, rilanciando «una tradizione iniziata nel primo anno di pontificato di Paolo vi e che vede, appunto, i futuri presbiteri ambrosiani compiere un pellegrinaggio a Roma». A presentarli a Francesco è stato monsignor Michele Di Tolve, rettore del seminario milanese, che li ha accompagnati insieme con i superiori e i formatori. «I ventisei diaconi — dice — hanno già ricevuto tutti il mandato dell’attività pastorale che saranno chiamati a svolgere, soprattutto con i giovani nella realtà dei nostri oratori».

Nei sei giorni romani il gruppo vivrà un vero e proprio corso di esercizi spirituali. «Si comincia la mattina presto con la messa nella basilica vaticana»: a celebrarle saranno, tra gli altri, i cardinali Pietro Parolin, segretario di Stato, Francesco Coccopalmerio, presidente del Pontificio Consiglio per i testi legislativi, Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per il clero, e l’arcivescovo Jorge Carlos Patrón Wong, segretario della Congregazione per il clero per i seminari. Non mancheranno, spiega monsignor Di Tolve, «itinerari spirituali significativi» che toccheranno Santa Croce in Gerusalemme, la Scala santa, San Giovanni in Laterano e Santa Maria Maggiore. Ad accompagnare il gruppo anche monsignor Ennio Apeciti, rettore del Pontificio seminario lombardo in Roma.

A Francesco è stato presentato e donato il dvd del film Poveda, dedicato al presbitero spagnolo fondatore dell’Istituzione teresiana, martire nel 1936 durante la guerra civile spagnola e canonizzato nel 2003. Erano presenti il regista Pablo Moreno e il produttore José Maria Muñoz. Con loro anche la direttrice generale dell’Istituzione teresiana, Maite Uribe Bilbao. «San Pietro Poveda — spiega — è stato un uomo che ha saputo unire la gente, proporre un ideale di libertà vera, ed è stato anche anche un grande educatore: caratteristiche che emergono bene dalla pellicola e che assumono un significato del tutto particolare in questo anno giubilare incentrato sulla misericordia».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE