Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tutti coinvolti

· ​Presentata la novantunesima giornata missionaria ·

«La missionarietà appartiene a tutti»: così il cardinale Fernando Filoni, ha sintetizzato il senso della novantunesima missionaria mondiale che si celebrerà domenica 22 ottobre. Lo ha fatto nel corso della conferenza tenuta nella mattina di venerdì 20 ottobre, nella sala stampa della Santa Sede, insieme all’arcivescovo Protase Rugambwa, presidente delle Pontificie opere missionarie, e a padre Tadeusz Nowak, segretario generale pro tempore della Pontificia opera missionaria della Propagazione delle fede. «Il messaggio del Vangelo — ha detto il prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli — non è una “questione” solo di sacerdoti e di religiosi», coinvolge la «Chiesa intera», laici compresi. Questa unità di intenti e d’azione, ha spiegato, si manifesta proprio nella «sollecitudine del Papa verso tutte le Chiese».

E nell’introdurre la giornata mondiale, il porporato, ha fatto riferimento proprio al messaggio scritto per l’occasione da Papa Francesco e reso noto il giorno di Pentecoste: «La missione al cuore della fede cristiana». In esso, ha detto, si spiega anzitutto che il «primo evangelizzatore resta Cristo», la fede infatti vive dell’impulso dato da Gesù agli apostoli: «Andate, battezzate, ammaestrate», e dalla sua rassicurazione: «Io sarò con voi».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE