Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Turchia e Israele verso il disgelo

· Netanyahu invita Abu Mazen a Gerusalemme ·

Una fonte ufficiale turca ha confermato oggi che il ministro degli Esteri della Turchia, Ahmet Davutoglu, e il ministro del commercio israeliano, Benjamin Ben Eliezer, si sono incontrati in segreto a Bruxelles per cercare di superare la crisi diplomatica tra i due Paesi. L'incontro — ha riferito alla «France Presse» la fonte, che ha preferito mantenere l'anonimato — ha avuto luogo ieri, mercoledì, a Bruxelles, su richiesta di Israele. «Abbiamo già trasmesso una nota a Israele spiegando le nostre richieste — ha detto la fonte — e nell'incontro queste richieste sono state ribadite». I media israeliani avevano dato notizia del colloquio, ma la conferma era arrivata soltanto dall'ufficio del premier, Benjamin Netanyahu, che ha detto di aver autorizzato l'incontro.

Si tratta del primo contatto tra le diplomazie turca e israeliana a livello ministeriale dal blitz sulla Mavi Marmara, la nave turca che guidava la flotta pacifista in rotta verso Gaza, lo scorso 31 maggio. Nell'operazione condotta da Tsahal sono stati uccisi nove cittadini turchi. Ankara ha protestato richiamando l'ambasciatore e annullando operazioni militari congiunte.

Sul fronte palestinese, Netanyahu ha invitato ieri il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, a Gerusalemme per un incontro diretto. L’invito è arrivato dopo un colloquio con l’inviato americano in Medio Oriente, George Mitchell. «Invito Abu Mazen a venire a Gerusalemme», ha detto Netanyahu alla stampa. «Io sono pronto ad andare a Ramallah».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE