Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Trump apre sull’immigrazione

· ​Possibile la cittadinanza statunitense per quasi due milioni di irregolari ·

Proteste contro l’espulsione dei dreamers lungo il muro statunitense al confine con il Messico (Reuters)

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avanzato una proposta sull’immigrazione che apre alla cittadinanza per 1,8 milioni di migranti irregolari. Il capo della Casa Bianca ha chiesto come contropartita ai democratici fondi per il muro al confine con il Messico e per potenziare la sicurezza delle frontiere in generale, oltre a una stretta sugli ingressi regolari nel paese. Il piano sull’immigrazione verrà presentato al senato lunedì, ma alcuni dettagli anticipati alla stampa hanno già sollevato le reazioni negative dei progressisti e di qualche repubblicano.

L’offerta è pensata per raggiungere un compromesso che eviti nuovi problemi sul finanziamento del governo, come quelli che nei giorni scorsi hanno portato a quasi tre giorni di shutdown — blocco delle attività federali — poi superato con un provvedimento temporaneo. La proposta include anche un fondo di 25 miliardi di dollari destinati alla costruzione del muro alla frontiera con il Messico e al potenziamento dei dispositivi di sicurezza. Si profila inoltre una stretta sull’immigrazione regolare, che restringerebbe di molto i limiti entro i quali poter chiedere i visti in determinati casi. L’obiettivo di Trump è quello di avere un testo condiviso da sottoporre al senato entro il 6 febbraio, due giorni prima della scadenza dei finanziamenti per l’attività del governo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE