Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Troppo poco per i piccoli migranti

· ​Appello alle istituzioni europee da parte di 78 organizzazioni internazionali ·

Almeno 700 bambini sono morti in mare e oltre 700.000 minori hanno chiesto asilo in Europa negli ultimi mesi. Sono alcuni dei dati che fotografano la situazione di particolare emergenza che, in tema di migrazioni, tocca i più piccoli. Sono dati emersi al decimo forum europeo sui diritti dei minori a Bruxelles. 

Bambino in campo profughi in Grecia (Ap)

«Le istituzioni europee e gli stati membri devono fare di più per proteggere i bambini rifugiati e migranti». È l’appello preciso con cui sono arrivate al forum 78 organizzazioni internazionali, tra cui il fondo per l’infanzia delle Nazioni Unite, l’Unicef. Gli operatori delle organizzazioni hanno ricordato che la crisi migratoria europea entrerà presto nel suo terzo anno consecutivo, «i bambini saranno sempre più numerosi e l’impatto sulle loro vite sarà ancora più tragico». Ormai nove bambini su dieci di quanti sbarcano in Italia non hanno adulti che li accompagnino. I rappresentanti dell’Unicef hanno parlato di «fallimento delle azioni per rendere prioritaria la protezione dei minori, che preoccupa fortemente perché in questo modo i bambini sono esposti ancora di più a rischi di ogni tipo». Tutte le organizzazioni si sono dette concordi nel ritenere che «si è fatto troppo poco per rispondere ai particolari bisogni di questi minorenni». E nei rapporti, che hanno presentato al forum, si legge che «i bambini in Svezia, per esempio, rimangono spesso fino a un anno in attesa dell’udienza per la loro richiesta d’asilo; i bambini bloccati in Grecia, in media, restano fuori da ogni percorso scolastico per 20 mesi: coloro che hanno diritto a raggiungere genitori o parenti in altri stati dell’Ue devono aspettare almeno un anno».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE