Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Triton sotto esame

· Polemiche sui sistemi di salvataggio europei dopo la tragedia di Lampedusa ·

A meno di quarantotto ore dalla nuova strage dell’immigrazione, con oltre 330 persone morte a largo di Lampedusa, riesplode in Italia e in Europa la polemica sulla missione Triton, il dispositivo di soccorso Ue nel Mediterraneo.

Migranti soccorsi a Lampedusa (Reuters)

Il presidente del Consiglio dei ministri italiano, Matteo Renzi, ha espresso «solidarietà e dolore per le vittime» della tragedia, invitando a «non strumentalizzare in modo cinico quello che accade». Il problema — ha sottolineato Renzi — «non è Mare Nostrum o Triton, si può chiedere all’Europa di fare di più, ma il punto politico è risolvere il problema in Libia, dove la situazione è fuori controllo». Renzi ha dunque annunciato che nel Consiglio Ue di oggi porrà esplicitamente la questione immigrazione, chiedendo che si faccia di più. Inoltre, il titolare di Palazzo Chigi ha spiegato che «stabilire un nesso tra l’immigrazione attraverso le carrette del mare e il terrorismo è impossibile». Intanto, anche in Europa si chiede da più parti un cambiamento di rotta sull’immigrazione. In una nota il commissario dei Diritti umani del Consiglio d'Europa, Nils Muižnieks, ha dichiarato che «l’operazione Triton non è all’altezza» dei compiti che deve svolgere e che «l’Europa ha bisogno di un sistema di ricerca e salvataggio efficace». La recente tragedia nel Mediterraneo è «un’altra sciagura che poteva essere evitata».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE