Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Trentaquattro migranti
restano sulla Mare Jonio

· Sbarcati a Lampedusa in 64 fra donne e bambini ·

Lampedusa, 30. Sono giunti nel porto di Lampedusa intorno alla mezzanotte 64 migranti sbarcati dalla nave Mare Jonio dopo il via libera giunto dal ministero dell’Interno italiano. Si tratta di donne, alcune delle quali incinte, bambini con i loro familiari e dei naufraghi più vulnerabili con esigenze sanitarie trasbordati su una motovedetta della capitaneria di porto.

Si aspetta ora di capire quale sarà il destino degli altri 34 naufraghi che si trovano ancora a bordo della nave di proprietà della ong Mediterranea Saving Humans, alla quale comunque è stato proibito l’ingresso nelle acque territoriali. Le condizioni del mare sono in peggioramento e la ong sollecita una soluzione che possa consentire l’attracco della nave a Lampedusa o in qualche altro porto italiano. «Chiediamo, con forza — è l’appello lanciato da Mediterranea — che questi naufraghi, insieme all’equipaggio, possano sbarcare il prima possibile. A bordo la situazione rimane precaria. Alle onde si è aggiunto un guasto all’evaporatore e al dissalatore che ci privano di acqua corrente: siamo senza rubinetti in cucina e bagno. Rimane solo una bottiglia di acqua».

A bordo della nave Mare Jonio restano, adesso, in 34, tra cui donne sole e uomini comunque in precarie condizioni a seguito dei maltrattamenti e delle torture subite durante il loro viaggio e nei paesi d’origine.

Intanto si è appreso che il governo maltese ha invitato i ministri dell’Interno di Germania, Francia e Italia a una riunione che dovrebbe tenersi il prossimo 19 settembre alla Valletta, in cui si tenterà di trovare una soluzione per facilitare lo sbarco e la ripartizione delle persone salvate nel Mediterraneo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE