Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Trentadue specialisti per 44.000 metri quadrati

· La nuova «Guida generale della Città del Vaticano»: strumento di studio e compagna di viaggio ·

La Guida generale della Città del Vaticano, uscita in questi giorni per i tipi della Jaca Book in cooperazione con la Direzione dei Musei e con la Libreria Editrice Vaticana, è un evento editoriale importante. Questo libro è uno di quelli destinati a stare nel settore più vicino e più comodo della biblioteca privata di ogni studioso o viaggiatore colto. Perché in questo volume piccolo e prezioso c’è davvero tutto; tesori d’arte e servizi, uffici e orari, la storia più remota e la più pragmatica attualità, istruzioni per l’uso e modalità di visita. Si può dire che ogni metro quadrato dei quarantaquattromila che fanno la città del Papa, è passato al vaglio degli oltre trenta specialisti che hanno curato le pagine del volume.
Anche un libro di piccole dimensioni e di costo popolare può essere definito “monumentale” quando realizza un obiettivo mai prima toccato, quando risponde ad attese fino a quel momento insoddisfatte, quando garantisce piena affidabilità e impeccabile standard scientifico. In questo senso la Guida generale Jaca Book può essere paragonata alla davvero monumentale e benemerita impresa dell’editoria italiana che tutto il mondo conosce come le «Guide Rosse» del Touring Club. Con in più, rispetto a quelle, un apparato fotografico a colori eccezionale per numero rarità e qualità.
Chi, fino ad ora, in una qualsiasi opera generale a carattere monografico sul Vaticano avrebbe potuto leggere le notizie essenziali e vedere l’immagine della Cappella di San Colombano della Nazione Irlandese nelle Grotte? O conoscere gli autori e le opere in affresco che si conservano nella Terza Loggia del Palazzo Apostolico? O i luoghi ipogei i cui nomi sono noti solo a una ristrettissima cerchia di studiosi (la Necropoli dell’Annona, quella della Galea, quella dell’Autoparco)?
E dove sarebbe stato possibile, prima di questa pubblicazione, trovare subito, semplicemente consultando gli indici, le notizie essenziali che governano la vita e disciplinano l’uso di una macchina straordinariamente delicata e complessa come la Città del Vaticano? Non è facile incontrare un libro che può funzionare altrettanto bene come strumento di studio (ben quindici fittissime pagine di bibliografia generale e specialistica) e da affidabile compagno di viaggio; un libro da consultare in biblioteca  e da mettere in valigia per il prossimo viaggio a Roma.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE