Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tregua nello Yemen

· Annunciata dall’Arabia Saudita a capo della coalizione che sostiene il presidente Hadi ·

L’Arabia Saudita ha annunciato un cessate il fuoco in Yemen di 48 ore, estensibile, in vigore da mezzogiorno di oggi. Lo riferisce l’agenzia di stampa saudita Spa, che riporta un comunicato governativo. Nella nota viene sottolineato che la tregua potrà essere estesa «se il movimento huthi dimostrerà di mantenere gli impegni».

Civili feriti a Taiz da un attacco dei ribelli huthi (Reuters)

L’annuncio, riferisce la nota, ha fatto seguito alla richiesta di un cessate il fuoco del presidente yemenita, Abd Rabbo Mansour Hadi, che risiede in esilio a Riad, al re saudita Salman. Nel comunicato del governo saudita si precisa che il blocco navale e aereo della coalizione che sostiene il presidente Hadi — riconosciuto dalla comunità internazionale — resterà in vigore e i caccia continueranno a sorvolare lo Yemen per delle missioni di sorveglianza.

L’annuncio della tregua in Yemen era stato dato già martedì scorso dal segretario di stato americano, John Kerry, al termine di una visita negli Emirati Arabi Uniti. Kerry aveva aggiunto che tutte le parti in conflitto hanno concordato di lavorare per dar vita entro la fine dell’anno a un governo di unità nazionale yemenita. Anche il ministero degli esteri dell’Oman aveva diffuso un comunicato sull’accordo in Yemen. L’accordo era stato però smentito poco dopo l’annuncio dal ministro degli esteri del governo del presidente Hadi, Abdelmalek Mekhalfi, affermando che «il governo non sa nulla dell’accordo» e quello che ha detto il capo della diplomazia di Washington non riguarda il suo governo. Mekhalfi aveva anche aggiunto che le dichiarazioni di Kerry dimostrano la volontà di trovare un accordo senza il governo yemenita che è stato costretto a fuggire da Sana’a — conquistata dal settembre del 2014 dagli huthi — ad Aden. I ribelli huthi, alleati con le forze dell’ex presidente yemenita, Ali Abdullah Saleh — al potere per oltre 33 anni — non si sono ancora espressi e una serie di tregue annunciate sono poi naufragate.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 luglio 2018

NOTIZIE CORRELATE