Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tre voci

· Messa del Papa a Santa Marta ·

Una serie di suggerimenti biblici, e anche pratici, per saper davvero riconoscere e ascoltare «la voce del Signore» — senza cadere nella tentazione della corruzione e della mondanità, e riscoprendo la bellezza della preghiera silenziosa di adorazione — sono stati proposti da Papa Francesco durante la messa celebrata nella cappella della Casa Santa Marta giovedì mattina, 24 novembre.

«In quest’ultima settimana dell’anno liturgico — ha fatto subito notare il Papa — la Chiesa si impegna nel farci riflettere sulla fine, perché ci sarà una fine: una fine del mondo, una fine di ognuno di noi». E «la Chiesa vuole che noi riflettiamo su questo: come sarà la fine». In questi giorni, ha precisato, «abbiamo riflettuto seguendo le letture: oggi vorrei fermarmi soltanto, sempre seguendo le letture, su tre voci, tre voci che appaiono nelle liturgia della parola: un grido, una voce potente e una voce sussurrata».

La prima voce proposta da Francesco è, dunque, «il grido»: il riferimento è al grido «a gran voce» dell’angelo, come si legge nel brano tratto dal libro dell’Apocalisse (18,1-2.21-23; 19,1-3.9) proposto nella prima lettura. L’angelo «gridò a gran voce: “È caduta Babilonia”». Che, ha spiegato il Papa, «seminava la corruzione nei cuori della gente, ci portava a tutti noi, e ci porta a tutti noi, per la strada della corruzione».

«La corruzione — ha spiegato — è il modo di vivere nella bestemmia, la corruzione è una forma di bestemmia, il linguaggio di questa Babilonia, di questa mondanità, bestemmia: non c’è Dio», ma «c’è il Dio denaro, il Dio benessere, il Dio sfruttamento».

Il Pontefice ha continuato affermando che «questa Babilonia, questa mondanità, questa regalità del mondo che seduce i grandi della terra — alcuni non cadono e sono santi, altri cadono dal potere della corruzione, il “potere della bestemmia” — cadrà, questa civiltà cadrà e il grido dell’angelo è un grido di vittoria: “È caduta”». Così finisce Babilonia «che ingannava con le sue seduzioni. E l’impero della vanità, dell’orgoglio cadrà, come è caduto Satana, cadrà».

Ecco poi la seconda voce, «potente, ma non di un angelo», raccontata da Giovanni nello stesso passo dell’Apocalisse: «Dopo questo, udii come una voce potente di folla immensa nel cielo che diceva: “Alleluia! Salvezza, gloria e potenza sono del nostro Dio”». E «contrariamente al grido dell’angelo, che era un grido di vittoria perché era caduta questa città corrotta, questa civiltà corrotta — ha spiegato il Papa — c’è il grido della folla, del popolo di Dio, il grido di lode: “Salvezza, gloria e potenza sono del nostro Dio, perché veri e giusti sono i suoi giudizi”».

Questa, ha detto il Pontefice, «è la voce potente dell’adorazione, dell’adorazione del popolo di Dio che si salva, e anche del popolo in cammino che ancora è sulla terra». Il popolo di Dio, ha proseguito, è «peccatore ma non corrotto: peccatore che sa chiedere perdono, peccatore che cerca la salvezza di Gesù Cristo». E «questo popolo si rallegra quando vede la fine: è la gioia della vittoria nel popolo di Dio che si fa adorazione, è la voce potente dell’adorare».

«Sempre — ha affermato Francesco — il nostro atteggiamento è positivo. Noi non possiamo rimanere soltanto col primo grido dell’angelo se non c’ è quest’altro, questa voce potente dell’adorazione di Dio, il Signore». Il primo «grido» è, dunque, «la caduta». E «il secondo invece l’adorazione». Ma «per poter adorare dobbiamo incominciare qui a fare l’adorazione e per i cristiani non è facile adorare: noi siamo bravi quando preghiamo chiedendo qualcosa». E «quando preghiamo ringraziamo anche il Signore» oppure preghiamo «per gli altri: siamo bravi, sappiamo farlo». Ma «adorare, la preghiera di adorazione, di lode, quella non è facile farla», ha rimarcato il Pontefice. Per questo «dobbiamo impararla, dobbiamo impararla da adesso per non impararla di fretta quando arriveremo là». Francesco ha invitato a mettersi «davanti al Signore, davanti al tabernacolo, in silenzio» e «adorare». L’adorazione infatti è una «bella preghiera perché questa preghiera dice soltando: “Tu sei Dio, io sono un povero figlio amato da te». E «questo è molto bello: adorare».

«La terza voce» proposta dal Papa, infine, «non è né un grido né una voce potente: è una voce sussurrata, è un sussurro». Si legge infatti nel brano dell’Apocalisse: «Allora l’angelo mi disse: “Scrivi, beati gli invitati al banchetto di nozze dell’Agnello”».

«L’invito del Signore — ha spiegato — è sempre una voce sussurrata, è una voce soave, come dice il libro dei Re. Dio parla a Elia, con “un filo di silenzio sonoro”: che bello! La voce di Dio, quando parla al cuore è così: come un filo di silenzio sonoro, il sussurro di Dio». È proprio «quell’invito, quella promessa che ci ha fatto, al popolo: “Io lo chiamerò, io lo porterò al deserto e gli parlerò al cuore”, con questa voce soave».

«E sarà — ha affermato il Papa — la fine, la nostra salvezza, questo invito: invito al banchetto di nozze dell’agnello». Questo «ci fa pensare che quelli che sono riusciti a entrare nel banchetto, secondo la parabola di Gesù, non sono stati gli invitati che hanno rifiutato di andare; sono quelli che erano nei crocevia dei cammini, buoni e cattivi, ciechi, sordi, zoppi, tutti noi peccatori ma con l’umiltà sufficiente per dire: “Sono un peccatore e Dio mi salverà”». E «se abbiamo questo nel cuore, lui ci inviterà; sentiremo questo sussurro, questa voce sussurrata a noi, questo filo di silenzio sonoro che dice: “Vieni, vieni al banchetto”».

In conclusione Francesco ha ricordato che il passo del Vangelo di Luca (21, 20-28), proposto dalla liturgia «finisce con questa voce: “Quando cominceranno ad accadere queste cose — ossia la distruzione della superbia, della vanità, tutto questo —, risollevatevi e alzate il capo, la vostra liberazione è vicina». Questo significa che «ti stanno invitando alle nozze dell’agnello». E allora, ha auspicato il Papa, «il Signore ci dia questa grazia di aspettare quella voce, di prepararci a sentire questa voce: “Vieni, vieni, vieni servo fedele, peccatore ma fedele: vieni, vieni al banchetto del tuo Signore».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE