Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tragedie segnano il Mediterraneo

· Decine di migranti morti annegati al largo di Libia e Tunisia ·

Mentre l’Europa continua a discutere di quote di ridistribuzione e di sicurezza, nuove tragedie dell’immigrazione segnano il Mediterraneo.
Migranti soccorsi nel Mediterraneo (Ap)La prima si è svolta ieri a largo della Libia. Qui le navi Dattilo e Corsi e due motovedette sono intervenute in aiuto di quattro gommoni salvando 393 persone. Uno di questi era semiaffondato: gli operatori sulla nave Dattilo hanno tratto fuori dall’acqua 106 persone. Tra questi sono stati recuperati anche dodici cadaveri, che sono stati presi a bordo dall’equipaggio della Dattilo. Le due motovedette hanno poi soccorso un quinto gommone con altre 106 persone. Infine, la nave Dattilo ha anche avvistato e soccorso altri tre gommoni in difficoltà.
L’altra tragedia si è svolta sempre ieri, ma a largo della Tunisia. Alcune decine di migranti subsahariani sono annegati nel naufragio dell’imbarcazione sulla quale volevano raggiungere l’Italia. Secondo quanto riferisce la stampa, la Guardia costiera tunisina ha recuperato dieci corpi, mentre almeno altri venti sono stati avvistati. La tragedia è avvenuta nelle vicinanze del porto El-Ketef, a Ben Guerdane, nel governatorato di Médenine.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE