Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tragedie nel Canale di Sicilia

· L’Organizzazione internazionale per le migrazioni denuncia centinaia di possibili vittime ·

Ancora un tragico naufragio nel Canale di Sicilia: i cadaveri di cinque migranti sono stati recuperati oggi nell’ambito delle operazioni di soccorso a un gommone semiaffondato. 

Sono 61 i naufraghi tratti in salvo. I superstiti hanno raccontato di un’ottantina di passeggeri. La fregata Zeffiro, la corvetta Urania e un elicottero decollato da Lampedusa, informa un comunicato della Marina militare italiana, hanno prestato assistenza al gommone in cooperazione con una nave mercantile che ha imbarcato i migranti e i corpi delle cinque vittime con l’ausilio di una motovedetta delle capitanerie di porto.

Nel frattempo, è arrivato ieri a Messina il cadavere di un bambino siriano di un solo anno che si trovava, insieme alla madre, sul barcone soccorso sabato da una petroliera danese tra la Libia e Malta. L’ennesima vittima sulla rotta della speranza, in un’estate segnata dal più massiccio esodo di migranti verso l’Italia registrato negli ultimi anni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE