Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tra passato e futuro accanto al popolo dei migranti

· Il cardinale Vegliò ricorda il sessantesimo anniversario della «Exsul familia» di Pio XII ·

«L’importanza della costituzione Exsul Familia  60 anni dopo la sua promulgazione» è il tema del discorso che il cardinale Antonio Maria Vegliò, presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, ha tenuto nel pomeriggio del 29 novembre, nella sala Newman della Pontificia Università Urbaniana, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dello Scalabrini International Migration Institute (Simi).

“La migrazione è un segno dei tempi — ha spiegato — ed è tale perché colpisce profondamente le nostre società. A motivo della sua portata e delle sue dimensioni, che continuano ad aumentare in misura esponenziale, l’emigrazione è interconnessa con molti aspetti del nostro mondo globalizzato, che vanno dai fattori economici e politici agli aspetti religiosi, culturali e sociali. In questo contesto, la Chiesa continua a cercare modelli nuovi e più appropriati di pastorale migratoria.  Senza dimenticare che la società in cui si prevede di integrare i migranti continua costantemente a ridefinirsi”.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE