Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tra norma e condizione morale

· Il dibattito sull’«Amoris laetitia» ·

Cerco di seguire il dibattito sull’Amoris laetitia che si svolge sulle pagine de «L’Osservatore Romano». La cosa impressionante è come spesso sia discusso il rapporto tra insegnamento di san Giovanni Paolo II e quello di Papa Francesco.

Marc Chagall, «Il matrimonio» (particolare, 1944)

Pare che ci sia bisogno di approfondire il vero significato di una continuità creativa. Per trovare la chiave ermeneutica adatta a comprendere l’insegnamento della Chiesa sul matrimonio e sulla famiglia prima si deve rifiutare l’ermeneutica della rottura, o addirittura del tradimento, che sostengono alcuni, e allo stesso tempo non si deve confondere la continuità con l’assenza delle novità. Con il mio intervento non miro a illuminare la complessità del rapporto teoretico-dottrinale e pastorale tra Wojtyła e Bergoglio (senz’altro un compito di questo tipo richiederebbe un saggio più ampio e fondato); in questa sede, invece, vorrei limitarmi ad alcune osservazioni fatte da un professore di etica a Lublino.

di Alfred Marek Wierzbicki

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE