Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tornernanno i prati di Ermanno Olmi

Proponiamo due diverse letture del film di Ermanno Olmi "Torneranno i prati", su un plotone italiano in una tricea sugli Altipiani, nell'inverno del 1917, durante gli scontri con gli austriaci. Per Emilio Ranzato la pellicola non riesce a mettere a fuoco le sue varie componenti: citando il cinema di Tarkovskij, Ranzato scrive che quando si sente l'esigrenza di prendere in prestito le frasi dei padri, significa che l'ispirazione personale si è ormai affievolita. Rimane l'evidente fiducia, oggi sempre più rara, osserva Ranzato, in un cinema capace di farsi portavoce della storia di una nazione. Ma se non avesse avuto il traino di uno degli ultimi grandi nomi del cinema italiano, "il progetto probabilmente non sarebbe arrivato nemmeno nelle sale".

Dal canto suo Sabino Caronia sottolinea che dal dovere del ricordo parte un viaggio con continui ritorni, in uno strettissimo legame tra quello che accadde ieri e quello che cerchiamo di capire oggi, per "risvegliare reminiscenze", per ritrovare un senso al proprio percorso. Nello stesso tempo Caronia pone l'accento su alcune "suggestive" scene del film, come quella della consegna della posta in cui vengono pronunciati i nomi dei sldati senza che essi, i loro volti, i loro corpi, siano mostrati dalla camera da presa. Caronia quindi evidenzia che la lettura cristiana di Olmi - ma se Dio non ha ascoltato il figlio sulla croce, può dunque ascoltare noi, poveri cristiani? - sposta la violentissima conclusione del racconto di Federico De Roberto "La paura", a cui il film liberamente si ispira, a metà della vicenda, per concludere invrece sulla memoria e sul perdono.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 febbraio 2018

NOTIZIE CORRELATE