Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Allarme per la fame nel mondo

Torna a crescere la fame nel mondo. Dal 2015 si registra un’inversione rispetto ad anni di progressi nella lotta alla denutrizione su scala globale. Il grido d’allarme è stato lanciato dal direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao), José Graziano da Silva, alla quarantesima conferenza dell’organizzazione che si è aperta ieri a Roma. «Oggi oltre 800 milioni di persone soffrono ancora di fame cronica» e «quasi il 60 per cento delle persone malnutrite vive in paesi colpiti dalle guerre e dagli effetti dannosi del cambiamento climatico».

La Fao individua 19 paesi in una situazione di crisi prolungata, spesso aggravata da eventi climatici estremi come siccità e inondazioni. In particolare, Nigeria, Somalia, Sud Sudan e Yemen sono colpiti da carestie, con 20 milioni di persone ben sotto gli standard nutritivi. In questo contesto, «per molti non c’è altra scelta se non incrementare le statistiche dell’emigrazione», ha dichiarato Graziano da Silva.

Il direttore della Fao ha sottolineato come i progressi fatti nella lotta alla fame e alla povertà nei decenni passati oggi siano a rischio a causa di conflitti, dei cambiamenti climatici e del cambiamento dei modelli di dieta.

«La fame è spesso dovuta alla povertà e alle ineguaglianze», ha affermato il presidente del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad) Gilbert Houngbo, intervenendo all’evento e ricordando l’esclusione dei produttori di piccola scala dai sistemi alimentari di grande scala». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE