Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tolleranza e coesistenza

· ​Marcia interreligiosa a Jakarta ·

Combattere l’estremismo religioso e il terrorismo e promuovere il pluralismo come vero fondamento della società indonesiana: sono i motivi che hanno spinto Nahdlatul Ulama (Nu), il più grande movimento islamico sunnita del Paese, a organizzare per domenica prossima, 17 gennaio, una manifestazione interreligiosa a Jakarta.

All’iniziativa hanno aderito tredici organizzazioni musulmane, insieme alla Conferenza episcopale indonesiana, alle comunità protestanti e all’Alto consiglio confuciano della nazione asiatica. Almeno diecimila persone — riferisce AsiaNews — si riverseranno a Lapangan Banteng, piazza storica della capitale, dove si affacciano la cattedrale cattolica e la grande moschea.

«Parteciperemo di sicuro alla manifestazione. Con questo raduno di massa — ha spiegato padre Guido Suprapto, segretario generale della commissione episcopale per l’apostolato dei laici — vogliamo portare il messaggio che la diversità deve essere la forza della nazione. Dobbiamo mostrare che la coesistenza pacifica è possibile». Al riguardo, l’arcidiocesi di Jakarta ha fatto stampare un gran numero di volantini da distribuire a tutta la comunità cristiana.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE