Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Timori dell’Onu
dopo gli scontri in Venezuela

· Il presidente Maduro apre la conferenza nazionale di pace ·

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, s’è detto ieri rattristato per le notizie di violenze e uccisioni tra i manifestanti in Venezuela, e ha chiesto che siano messi in campo urgentemente «tutti gli sforzi possibili per ridurre le tensioni e prevenire ulteriori violenze». Ban Ki-moon ha lanciato un appello affinché vengano tutelati i diritti umani di tutti i venezuelani e chiede a tutte le parti politiche di esprimere le proprie differenze pacificamente. Inoltre, il segretario generale della Nazioni Unite spera che le parti pongano in essere gesti concreti per la creazione di un dialogo significativo in modo da riportare il più presto possibile la calma nel Paese.

E, intanto, resta alta la tensione. Una marcia di donne dell’opposizione vestite di bianco ha sfilato ieri a Caracas per chiedere la fine della repressione contro i manifestanti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE