Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Prioritaria la difesa dei diritti umani

· Le chiese cristiane a Ginevra nel settantesimo della dichiarazione universale ·

«Cerchiamo di lavorare insieme per un futuro nel quale i diritti umani siano per tutti»; con queste parole si è concluso l’intervento del pastore Olav Fyske Tveit, segretario generale del World Council of Churches (Wcc), all’incontro “Educazione per la Pace in un mondo multireligioso”, che si è svolto presso la sede di Ginevra delle Nazioni Unite. L’incontro, organizzato dal Geneva Centre for Human Rights Advancement and Global Dialogue e dal Wcc per celebrare il 70° anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani, è stato l’occasione per rilanciare la testimonianza ecumenica in favore dei diritti umani.
Per monsignor Indunil Janakaratne Kodithuwakku Kankanamalage, sottosegretario del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, cambiare l’educazione significa cambiare il mondo e quindi è necessario immaginare dei percorsi educativi nei quali la conoscenza delle religioni aiuti il dialogo che è una componente essenziale nella costruzione della pace.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE