Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Terrorismo e minoranze religiose

· Gli attacchi a Lahore confermano una sistematica violenza ·

Lutto, sdegno e inquietudine ha suscitato in Pakistan e nel mondo la duplice strage terroristica che ancora una volta ha visto colpita una minoranza cristiana. In due chiese di Lahore, la cattolica St John’s Church e l’anglicana Christ Church, attentatori suicidi talebani hanno causato almeno quindici morti e un’ottantina di feriti tra i fedeli durante le celebrazioni domenicali.

Nella St John’s Church, nell’omonimo sobborgo di Youhanabad (città di Giovanni) abitato da una folta comunità cattolica, conseguenze molto più gravi sono state impedite da due poliziotti e da giovani volontari di guardia all’ingresso, che si sono sacrificati per sbarrare il passo all’attentatore.
A questo gesto di eroismo hanno fatto seguito, purtroppo, reazioni inferocite di una folla di circa quattromila persone in cerca di vendetta. Due sospetti complici degli attentatori sono stati linciati e i loro corpi sono stati bruciati. Poliziotti e politici locali accorsi sul posto sono stati cacciati dagli abitanti che accusano il Governo di scarsa risolutezza nel difendere i cristiani. A Youhanabad anche oggi mercati e negozi sono chiusi, in attesa che in giornata si svolgano i funerali delle vittime. Dopo quelle di ieri in varie città, altre manifestazioni sono segnalate oggi a Karachi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE