Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tentata strage
di musulmani a Londra

· Uomo attacca i fedeli fuori di una moschea ·

«Un deprecabile attacco terroristico contro musulmani»: così il premier britannico Theresa May ha definito quanto successo nella notte a Londra nei pressi di una moschea. Un furgone ha travolto alcune persone nella zona di Finsbury Park, a nord della capitale, provocando un morto e una decina di feriti, tra cui tre in gravi condizioni. L’uomo alla guida è stato arrestato. Secondo alcuni testimoni, avrebbe gridato: «Uccido tutti i musulmani». 

Sembra sia stato salvato dal linciaggio della folla, anche grazie all’intervento dell’imam della moschea. May ha condannato quello che ha definito «un attacco disgustoso contro innocenti, contro la libertà di culto e i valori britannici» e ha affermato che «Londra non si arrenderà all’odio». La polizia ha confermato che l’attentatore ha agito da solo e che «non c’era nessun altro nel furgone». Per Scotland Yard non ci sono dubbi, «è stato un atto terroristico». Alla guida del mezzo, che è risultato noleggiato da un ditta in Galles, c’era un uomo di 48 anni che è sceso minacciando altre persone con un coltello ma è stato presto fermato. La zona è stata isolata e poliziotti sono stati dispiegati in tutta la città. In un video realizzato da testimoni, si vedono alcune persone che immobilizzano l’attentatore in attesa dell'arrivo della polizia e delle ambulanze, altre invece lo aggrediscono con calci e pugni. Il premier britannico May ha subito assicurato il proprio pensiero «alle vittime e alle loro famiglie» e ha definito l’attacco «ripugnante esattamente come gli altri attacchi terroristici». May ha affermato: «Non ci fermeremo davanti a nulla contro l’estremismo», sottolineando di «non fare alcuna distinzione fra una matrice estremista e l’altra». Il premier, a conclusione di una riunione d’emergenza ad alto livello tra autorità politiche e forze di polizia, ha poi confermato che le prime indicazioni investigative puntano sulla pista dell’aggressore solitario. Il leader del Labour, Jeremy Corbyn, è stato tra i primi a reagire dicendosi «totalmente scioccato per quello che è successo a Finsbury Park», in un Tweet. Il sindaco di Londra, il musulmano Sadiq Khan, è intervenuto con un comunicato in cui ha parlato di «orribile attentato terroristico» e di «londinesi innocenti colpiti» ricordando che «molti stavano terminando le preghiere del mese sacro».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

28 luglio 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE