Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tensioni
sul Kashmir

· Colloquio tra i vertici militari di New Delhi e Islamabad ·

I direttori generali delle operazioni militari di India e Pakistan hanno avuto un colloquio telefonico, non previsto, per ufficializzare le rispettive interpretazioni delle forti tensioni e degli scontri a fuoco che da tempo si registrano lungo la frontiera indo-pakistana in Kashmir, che anche oggi hanno causato vittime militari e civili.

Pakistani manifestano nel Kashmir dopo l’attacco a un autobus di civili (Afp)

La telefonata, avvenuta su richiesta del governo del Pakistan, è stata confermata a New Delhi e a Islamabad. Il direttore generale pakistano ha colto l’opportunità per informare la controparte che un bombardamento di artiglieria indiano ha causato oggi la morte di undici civili e tre soldati. Da parte sua, il generale indiano ha ribadito che si registrano continuamente tentativi di infiltrazioni di militanti pakistani nello stato di Jammu e Kashmir.

Gli alti ufficiali di Islamabad e di New Delhi, stando ai rispettivi comunicati inviati ai media, non hanno lasciato intendere se siano state discusse ipotesi per uscire dal grave stato di crisi, generato anche da agitazioni nel Kashmir indiano di militanti favorevoli all’indipendenza, o perlomeno, a un’ampia autonomia da New Delhi.

Da mesi, India e Pakistan si scambiano accuse di violazione del cessate il fuoco lungo la cosiddetta Loc, la linea di controllo che funge da confine ufficioso tra i due paesi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE