Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gravi
attacchi antisemiti

· Durante i cortei dei gilet gialli in Francia ·

La Francia fa i conti con due giorni di manifestazioni dei gilet gialli, in un clima di tensioni e insulti, ma anche con gli inquietanti episodi di antisemitismo che si sono registrati. Il più grave è da attribuirsi ad attivisti del movimento che da novembre porta avanti proteste contro le politiche del presidente Emmanuel Macron. La confema è arrivata questa mattina: «È stato identificato uno dei manifestanti che hanno insultato sabato l’intellettuale Alain Finkielkraut durante la manifestazione dei gilet gialli», ha detto il sottosegretario all’interno, Laurent Nunez. I gilet gialli sono scesi in piazza sabato e anche ieri in coincidenza con i tre mesi mesi dall’inizio dell’ondata di protesta. Si è registrata partecipazione ancora in ribasso, ma ancora violenza. La tensione è stata alta attorno agli Champs-Elysees, dove alcune centinaia hanno premuto per accedere. Ma la polizia, che aveva blindato la grande avenue dopo le devastazioni delle settimane scorse, li ha tenuti a distanza. gli organizzatori hanno voluto sottolineare le intenzioni «pacifiche per tornare alle origini del movimento», dopo le forti tensioni di sabato, sfociate negli insulti a Ingrid Levavasseur, la leader moderata che due giorni pria si era smarcata dal gruppo Ric e dalla sua lista per le europee, e nell’attacco al filosofo e accademico di Francia, insultato e inseguito da alcune persone con il volto coperto da un passamontagna. Finkielkraut ha dichiarato: «Non sono né una vittima, né un eroe», a proposito degli insulti antisemiti ricevuti in strada a Parigi da alcuni gilet gialli, anche se si è reso conto che molti di quelli che lo offendevano erano pronti a picchiarlo. «Ho sentito l’odio assoluto — ha detto l’intellettuale a «Le Journal du Dimanche» — e purtroppo non è la prima volta». Nel frattempo, il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, ha lanciato l’allarme a proposito di antisemitismo, invitando in un tweet la cittadinanza a «restare mobilitata contro l'odio».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE