Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Tensione fra Tripoli e Parigi

· Al Sarraj condanna la presenza di truppe francesi in Libia ·

 Il Governo di unità nazionale libico del premier designato, Fayez Al Sarraj, ha denunciato come una palese «violazione » della propria sovranità la presenza di truppe di Parigi nel Paese. Il riferimento è ai tre sottufficiali francesi morti in Libia nello schianto di un elicottero durante una «missione ufficiale», precipitato domenica scorsa nei pressi di Bengasi.

I rottami dell’elicottero precipitato nei pressi di Bengasi con tre militari francesi a bordo  (Reuters)

In precedenza un portavoce del Governo di Parigi aveva confermato la presenza di forze speciali francesi in Libia «per contribuire a garantire che la Francia sia presente ovunque nella lotta contro i terroristi». Il portavoce, tuttavia, si era rifiutato di confermare la presenza di soldati francesi a bordo dell’elicottero delle forze del generale Khalifa Haftar, comandante dell’esercito nazionale libico, sostenuto da Egitto, Emirati Arabi Uniti e in Occidente proprio dalla Francia.

Dal canto suo, il presidente francese, François Hollande, ha confermato ieri sera la morte dei tre militari francesi in un «incidente di elicottero» in Libia dove la Francia «conduce pericolose operazioni di intelligence». In precedenza la notizia del decesso dei tre uomini era stata data dal ministero della Difesa di Parigi. «La Libia — ha continuato Hollande — vive una pericolosa instabilità. Si trova solo a qualche centinaio di chilometri dalle coste europee. E al momento stesso stiamo conducendo pericolose operazioni di intelligence. Tre dei nostri soldati che partecipavano a queste operazioni hanno perso la vita nel quadro di un incidente di elicottero. Oggi rendo loro omaggio».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE